top of page

Sanità Pubblica: Diritto alla Salute

Alla sanità malata serve la cura del pubblico


La più grande marchetta fatta in sanità


Insomma, diciamo la verità: le controriforme degli anni 90, non furono fatte solo per ragioni di sostenibilità, come si disse, ma con la scusa della sostenibilità il centro sinistra al mercato fece in realtà una gran bella marchetta.


Quella marchetta, considerando tutto quello che ne è derivato, si è rivelata in realtà il più grande “spreco” della sanità pubblica e oggi proprio come “spreco” alla politica presenta il conto.


Il SSN è malato


Vi sono altre tesi che meritano attenzione e che sono testualmente le seguenti:

  • “Il SSN oggi è malato”

  • “Il SSN per troppi anni è stato sottoposto a interventi contrari al rispetto dei principi costituzionali e dei diritti umani fondamentali, assecondando l’idea che il mercato avrebbe comunque potuto sostituire buona parte della sanità pubblica, quella più in grado di generare profitti”.

Ne deriva, applicando la regola transitiva, una prima conclusione politica parziale:

  • La malattia principale del SSN è il mercato

  • Questo mercato è la più grande marchetta fatta dalla politica alla speculazione, cioè il più grande spreco.

Se è così allora sarebbe meglio dire che: la malattia principale del SSN è la

marchetta con la quale la politica ha svenduto negli anni 90 la riforma 833 in

cambio di consenso politico.


Unica via per salvare il SSN e tornare all’Art.32 della costituzione dove La

salute viene definita dal Costituente come diritto fondamentale, aggettivo,

questo, utilizzato solo ed esclusivamente relativamente alla salute.

Basti pensare ad altri articoli della nostra Carta Costituzionale: all’articolo 2 che

parla dei diritti inviolabili dell’uomo, agli articoli 13, 14 e 15 o anche l’articolo 24 nei quali viene, invece, utilizzato l’aggettivo “inviolabile”.


E che sia un diritto fondamentale lo ricaviamo dal fatto che la Repubblica

garantisce le cure mediche anche a coloro che non hanno la possibilità di pagarsi le cure sufficienti, per cui là dove ci dovesse essere una violazione della salute, è possibile ottenere anche il risarcimento del danno a prescindere dalla possibilità che l’individuo sia produttore di reddito.


Che la salute venga definita come un diritto fondamentale dell’individuo lo

abbiamo accennato e riguarda il primo periodo dell’articolo 32, ma non è

l’unica qualificazione perché il Costituente si è premurato di definirlo anche in

altro modo, cioè quale interesse della collettività.


Quindi, la salute è sia un diritto fondamentale dell’individuo,

quanto interesse della collettività.



Cisl_SanitàPubblica
.pdf
Scarica PDF • 1.58MB


57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page