Convenzioni della
gestione dei servizi

Le amministrazioni pubbliche possono stipulare delle convenzioni con Anteas (o con una delle associazioni di volontariato o promozione sociale aderenti al coordinamento provinciale) con lo scopo di svolgere attività o servizi sociali di interesse generale e a favore di terzi. Qui maggiori informazioni. Dal Codice del Terzo settore, in particolare dall’articolo 56 del decreto legislativo 117 del 2017, di dà una definizione di convenzioni che possono essere stipulate tra gli enti del Terzo settore (ETS) e le amministrazioni pubbliche. “Le amministrazioni pubbliche possono sottoscrivere con le organizzazioni di volontariato (OdV) e le associazioni di promozione sociale (APS) convenzioni finalizzate allo svolgimento in favore di terzi di attività o servizi sociali di interesse generale, se più favorevoli rispetto al ricorso al mercato. Le convenzioni possono prevedere esclusivamente il rimborso alle ODV e alle APS delle spese effettivamente sostenute e documentate”. L’art. 57, inoltre, offre un esempio più pratico di tali convenzioni: “I servizi di trasporto sanitario di emergenza e urgenza possono essere, in via prioritaria, oggetto di affidamento in convenzione alle ODV nelle ipotesi in cui, per la natura specifica del servizio, l’affidamento diretto garantisca l’espletamento del servizio di interesse generale, in un sistema di effettiva contribuzione a una finalità sociale di perseguimento degli obiettivi di solidarietà, in condizioni di efficienza economica e adeguatezza, nonché nel rispetto dei principi di trasparenza e non discriminazione” (per approfondire questo aspetto, ti suggeriamo di consultare le nostre pagine dedicate al trasporto e all’accompagnamento sociale e al progetto STACCO). Di seguito è possibile scaricare un documento ministeriale sulle convenzioni tra enti del terzo settore ed enti pubblici e per maggiori informazioni ti consigliamo di contattarci direttamente!